Cerca

Federazione Italiana Canoa Kayak: lo Storico

La Federazione Italiana Canoa Kayak (già Commissione Italiana Canoa dal 24 novembre 1973 e Federazione “Aderente” del CONI dal 30 novembre 1982) si affaccia nel panorama sportivo italiano nel 1987 come Federazione Sportiva Nazionale effettiva. È denominata con l’acronimo FICK ed è definita un’associazione senza scopo di lucro, con personalità giuridica di diritto privato, organo del CONI, affiliata al International Canoe Federation (I.C.F.) e al European Canoe Association (ECA) delle quali accetta Statuto e Regolamenti.
Il compito della Federazione è la promozione della canoa e del kayak nelle varie discipline, nonché delle manifestazioni ed eventi Internazionali che si svolgono in Italia. Una lunga tradizione di medaglie e successi sportivi di altissimo livello, unita all’attività turistica legata alla scoperta dell’ambiente, rendono la Federazione un soggetto dinamico ed unico, nel suo settore, capace di garantire la formazione degli Istruttori e di coordinare il movimento amatoriale.
La Federazione Italiana Canoa Kayak coordina l’attività agonistica ed amatoriale di differenti discipline tra le quali la Canoa Velocità e la Canoa Slalom, entrambe discipline olimpiche, la Canoa Discesa, la Canoa Polo, la Canoa Maratona, il Dragon Boat, l’Outrigger & Ocean Kayak e le ulteriori attività turistico-amatoriali con particolare attenzione ai progetti in collaborazione con le scuole. La Federazione organizza, coordina e supporta gli eventi agonistici nazionali ed internazionali che si svolgono sul territorio italiano: gare nazionali e Campionati Italiani di specialità, partite di Serie A, B e Coppa Italia per la Canoa Polo, gare dei Campionati Internazionali, gare di Coppa del Mondo e Tornei internazionali ed attività agonistica di Paracanoa.

In particolare, nei prossimi anni, l’Italia organizzerà importanti manifestazioni internazionali:
2013 - Prova Coppa del Mondo Canoa Discesa Valtellina;
2014 - Coppa del Mondo di Canoa velocità Milano;
2015 - Campionati Mondiali di Canoa velocità Milano;
2015 - Campionato del Mondo Ocean Racing Venezia.

Il mondo canoistico ha ottenuto in questi anni un enorme sviluppo in tutte le sue  attività sportive e sociali: il numero delle medaglie conquistate, ultimo orgoglio Daniele Molmenti medaglia d’oro ai Giochi Olimpici di Londra 2012, l’alto numero di tesserati (arrivato a 15.000), gli amatori, il protocollo d’intesa con il CIP (Comitato Italiano Paralimpico), il protocollo d’intesa con il Corpo Forestale dello Stato, gli impianti sempre più strutturati grazie all'intervento attento delle Pubbliche Amministrazioni, gli sponsor e ultimo, ma forse più importante l'attenzione dei media, sono le prove tangibili di questa crescita.

Nel dettaglio le attività ed i valori promossi dalla FICK vanno ben oltre l’agonismo sportivo: la Federazione stessa si impegna quotidianamente sia per la tutela ambientale che per l’integrazione dei diversamente abili.
La Federcanoa è fortemente impegnata nello sviluppo della pratica delle proprie discipline di competenza anche verso persone con disabilità. L’attività della “Paracanoa” (disciplina Paralimpica a partire da Rio 2016) rappresenta uno degli esempi più efficaci di integrazione attraverso lo sport, in quanto è possibile praticarla in maniera autonoma o con il supporto e la presenza di istruttori qualificati. La Federazione in associazione con il CIP, sostiene e sviluppa, in quest’ottica, le attività della Paracanoa sia a livello amatoriale che agonistico.
Il “canoista” è stato definito, dalle più accreditate Associazioni impegnate nella tutela del patrimonio ambientale [WWF e CIRF], una “sentinella delle acque”. La Federazione Italiana Canoa Kayak ha siglato nel 2009 un accordo con il Corpo Forestale dello Stato per promuovere la salvaguardia degli ambienti marini, lacustri e fluviali, in occasione della realizzazione degli eventi del calendario FICK e non solo. Chi pratica le discipline della FICK, a tutti i livelli, svolge la propria attività sportiva a stretto contatto con l’ambiente naturale: mare, lago o fiume.
Questo rende l’acqua e la natura che la circonda, gli elementi davvero indispensabili per la pratica delle discipline di canoa.
Il lago di Castel Gandolfo è sede del Centro Federale di Alta Preparazione Olimpica, che comprende un’apposita area attrezzata con foresteria atleti, all’interno della quale vengono svolti i raduni collegiali in vista degli impegni internazionali. Josefa Idem, Daniele Molmenti, Antonio Rossi, Beniamino Bonomi, Daniele Scarpa, Oreste Perri... sono solo alcuni di quelli che sono stati, negli anni, i principali attori del panorama canoistico Italiano. Il “Progetto comune” della Federcanoa è basato sul “fare” con impegno, competenza, passione ed entusiasmo.

Da circa 25 anni la FICK racconta storie di campioni che toccano l’Olimpo volando sull’acqua, di giovani ragazzi che inseguono obiettivi importanti pagaiando con la forza dei loro sogni, veicola valori quali il divertimento, l’unione, il sacrificio e l’impegno, suscitando emozioni, incrementando la passione e rispettando la natura.

Leggi il saluto del
PRESIDENTE FEDERAZIONE ITALIANA CANOA KAYAK -  LUCIANO BUONFIGLIO

 

 

Informazioni aggiuntive